Scuola Dell'Infanzia: PETER PAN
Progetti Formativi
L'Accoglienza: conoscersi per diventare amici

Progetto di accoglienza che coinvolge tutte le scuole all'inizio dell'anno scolastico per favorire l'inserimento e la frequenza scolastica degli alunni.
Nella scuola dell'infanzia e primaria viene anche effettuata la "giornata dell'accoglienza" per i bambini del primo anno, solitamente il sabato che precede l'apertura dell'anno.
I genitori vengono informati dell'evento tramite segreteria.

Progetto Continuità

Il Progetto prevede un percorso operativo che coinvolge i bambini delle scuole dell’Infanzia (cinque anni) in continuità con la Scuola Primaria, e gli alunni di Scuola Primaria (classi quinte) in continuità con la Scuola Secondaria di primo grado. I/le docenti proporranno attività educative e didattiche finalizzate a favorire l’acquisizione di competenze rispetto a: SOCIALIZZARE - COLLABORARE – CONDIVIDERE – CONOSCERE.
Anche per gli alunni delle classi prime sono previste esperienze di interscambio e socializzazione per incoraggiare relazioni interpersonali efficaci.

Nuovo Spazio Incontro

Il progetto di integrazione degli alunni stranieri, (prosecuzione di un percorso formativo iniziato nell'anno scolastico 2010/2011), si propone di attivare dei percorsi didattici che possano favorire l’integrazione degli alunni stranieri nelle classi e sezioni delle scuole infanzia, Primaria e Secondaria di I grado.
A tal fine si creeranno occasioni di incontro, interazione, collaborazione con le famiglie di alunni stranieri, anche con l’aiuto di docenti del CTP in veste di mediatori linguistici.

Progetto Lingua Inglese

Pig and Sheep

Proposto dalle insegnanti di plesso  e rivolto a tutti i bambini, per  avvicinarli alla conoscenza della “musicalità” e sonorità della lingua straniera.

Attraverso esperienze ludiche, ascolto di canzoncine e filastrocche con supporti audio, i bambini impareranno  a salutare, a presentarsi, a riconoscere i principali colori, a memorizzare canti e brevi poesie.

Progetto SCUOLISSIMA

PROGETTO DI ISTITUTO PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA DAL TITOLO "GIOCO... DI PAROLE"

MOTIVAZIONE

Il progetto “Gioco…di parole” nasce dall’esigenza di supportare e rafforzare l’ambito fonologico e meta-fonologico, con una metodologia laboratoriale, nei bambini che frequentano le nostre scuole dell’Infanzia. Lavorare per laboratori offre numerosi vantaggi tra i quali il poter partire dal fare dei bambini, perché i bambini di questa fascia di età apprendono facendo. Così come ci insegnano le Neuroscienze, il bambino apprende il linguaggio soprattutto per via uditiva ed impara a decodificare e a riprodurre le caratteristiche della lingua di appartenenza cui è esposto, maturando gradualmente le sue competenze fonetiche e fonologiche.

Il ruolo della scuola dell’Infanzia non è solo quello della preparazione attraverso i pre-requisiti di tipo esecutivo, ma soprattutto quello di essere un contesto ricco di “esche” pedagogiche che favoriscano processi di concettualizzazione dei sistemi simbolici. Questi sono gli assunti di base sui quali costruire positivamente il percorso della letto-scrittura nella scuola Primaria.

Infine l’attenzione attuale verso le problematiche relative ai Disturbi Specifici di Apprendimento (D.S.A.) coinvolge la scuola dell’Infanzia, che è chiamata dalle “Linee guida per il diritto alla studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento” allegate al D.M. 12/07/2012, a “svolgere un ruolo di assoluta importanza sia a livello preventivo, sia nella promozione e nell’avvio di un corretto e armonioso sviluppo”.

Questo progetto si inserisce all’interno del progetto di Istituto “SCUOLISSIMA” che approfondisce, nei tre gradi scolastici, l’ambito linguistico.

FINALITA’

Tutte le attività, che saranno proposte, hanno lo scopo di richiamare l’attenzione dei bambini sugli aspetti fonologici della lingua e di allenare le abilità meta-fonologiche attraverso un approccio ludico.

OBIETTIVI GENERALI

3 ANNI:

Affinare e potenziare le capacità di ascolto;
Riconoscere suoni e rumori;
Ascoltare e interpretare conte, filastrocche e ninne nanne.

4 ANNI:

Affinare e potenziare le capacità di ascolto;
Dividere le parole in sillabe;
Individuare e riconoscere parole lunghe e parole corte.

5 ANNI:

Affinare e potenziare le capacità di ascolto;
Dividere le parole in sillabe;
Fondere le sillabe in parole;
Discriminare suoni uguali e diversi;
Aumentare l’interesse per i suoni che si possono produrre attraverso la voce.

DESTINATARI

Tutti bambini frequentanti le scuole dell’Infanzia del nostro Istituto.

METODOLOGIA

L’organizzazione delle attività per laboratori risponde alla necessità di soddisfare nel modo più completo possibile a tutti i bisogni del bambino e di offrirgli tutte le opportunità affinché possa manifestare e sviluppare le sue potenzialità. I laboratori permettono anche di basare l’apprendimento sulla ricerca e di dare spazio alla produzione.

MATERIALI E STRUMENTI

Materiali di facile consumo;
Materiali di recupero;
Materiale didattico strutturato;
Pc portatile.

TEMPI

Da Gennaio a Maggio 2015

VERIFICA – VALUTAZIONE

- iniziale  (volta a delineare un quadro delle esigenze e delle capacità di ciascun bambino);

- in itinere (per un’azione di controllo costante che permetterà di modificare ed individualizzare i percorsi di apprendimento)

- finale (per la verifica degli esiti formativi, la qualità dell’ attività educativa, il significato globale dell’esperienza educativa).

BIBLIOGRAFIA

a cura di Giacomo Stella, PAPAGALLO LALLO, Giunti Scuola, 2013
Mario Piatti, FILASTROCCANTANDO, Nicola Milano Editore, 1998
Poli Luciano, ALLETTERANDO, Nicola Milano Editore, 2001

Progetto I.R.C. GOCCE DI VITA

Premessa

La programmazione didattica-educativa di Religione Cattolica per l’anno scolastico 2014/2015 sarà sviluppata sulla base dei Nuovi Traguardi per lo sviluppo delle competenze e Obiettivi di Apprendimento dell’ Insegnamento della Religione Cattolica per la scuola dell’ Infanzia e per il primo ciclo d’ istruzione che vanno ad integrare  le Indicazioni per il curricolo per la scuola dell’Infanzia.

In tutte le scuole dell’Infanzia dell’Istituto, sarà proposto ai bambini il seguente progetto: “Gocce di Vita” di durata annuale.

Nel corso dell'anno, inoltre, si darà particolare attenzione all'attuazione del Progetto di Istituto “Scuolissima” attraverso percorsi e strategie didattiche-educative mirate allo sviluppo ed al rafforzamento delle competenze linguistiche, comunicative ed espressive.                              

Motivazione

L’acqua ha una grande importanza biologica ed è legata alla storia dell’uomo e di ogni forma di vita.

Agli occhi del bambino l’acqua è un elemento affascinante ed emozionante, lo coinvolge nella sua totalità, contribuisce a soddisfare il suo desiderio di manipolazione, gli offre molte possibilità di gioco e lo porta alla scoperta di nuove conoscenze.

Attraverso il seguente progetto “Gocce di Vita” si intende valorizzare la vita di ogni essere, raccontare la gioia e la bellezza di esistere e cogliere lo stupore dei bambini dinanzi ai fenomeni sempre meravigliosi della natura. Questo, nell’autentica convinzione cristiana che l’acqua è dono prezioso di Dio e fonte di vita per tutte le creature.

Nel testo Sacro, l'acqua è un simbolo vitale e prezioso: già nel libro della Genesi si può vedere come tutto evolve dall'acqua e anche negli altri libri biblici essa è rimasta l'elemento che dà vita per eccellenza.

Nel Nuovo Testamento poi, Gesù le attribuisce un valore altamente salvifico negli episodi di guarigione e nei miracoli.

Il bambino sarà coinvolto soprattutto nella scoperta e conoscenza degli episodi della vita di Gesù dove l'elemento acqua risulta centrale.

Nel corso dell’intero anno scolastico verranno sviluppate tutte le tematiche previste dai  programmi ministeriali per l’IRC: creazione, Natale, Vita e insegnamento di Gesù, Pasqua, Chiesa.  

In riferimento al Progetto di Istituto “Scuolissima”, anche l'IRC andrà a potenziare la   capacità di ascolto, la rielaborazione verbale del vissuto personale di ogni bambino e l'arricchimento fonologico e lessicale, prediligendo concretamente attività specifiche quali il racconto, la comprensione di storie e la verbalizzazione.

 

Obiettivi di Apprendimento dell’I.R.C. per la scuola dell’Infanzia

Il sé e l’altro

Sviluppare relazioni positive
Acquisire la consapevolezza di appartenere ad un gruppo:famiglia, scuola, comunità.
Scoprire la persona di Gesù

Il corpo in movimento

Esprimere se stesso, le emozioni, l’immaginazione  attraverso il corpo

Linguaggi- creatività- espressione

Rielaborare e manifestare la propria esperienza in modo creativo.

I discorsi e le parole

Ascoltare e conoscere alcuni racconti biblici.
Acquisire termini del linguaggio cristiano.
Rielaborare i contenuti attraverso l’ uso del linguaggio appreso.

La conoscenza del mondo

Osservare il mondo che ci circonda.
Riconoscere il mondo come creato.
Intuire che il creato è dono di Dio.
Sviluppare sentimenti di responsabilità e di rispetto nei confronti della realtà circostante.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Il sé e l’altro

Attraverso i racconti evangelici il bambino scopre la persona di Gesù
Sviluppa relazioni positive con sé e con gli altri

Il corpo in movimento

Sviluppa una gestualità legata alla propria interiorità, immaginazione ed emozioni

Linguaggi- creatività- espressione

Rielabora e manifesta creativamente la propria esperienza

I discorsi e le parole

Ascolta e conosce alcuni racconti biblici.
Rielabora i contenuti attraverso l’ uso del linguaggio appreso.
Comprende le narrazioni e la lettura di storie, dialoga e chiede spiegazioni.
Acquisisce alcuni termini del linguaggio cristiano.

La conoscenza del mondo

Osservare il mondo che ci circonda.
Si sa muovere nella realtà che lo circonda con sentimenti positivi
Intuisce che il creato è dono di Dio per gli uomini
Rispetta il creato, ne ha cura e sa che è un bene prezioso da condividere custodire.

Metodologia

Il progetto verrà attuato attraverso la realizzazione di Nuclei Tematici strutturati secondo i bisogni dei bambini, differenziando le proposte educative e didattiche in base all’età e alle caratteristiche dei singoli plessi.

Inoltre saranno privilegiati l’uso del gioco, l’esperienza diretta, il canto, la narrazione,

la memorizzazione di rime, poesie e filastrocche, l’ascolto, la conversazione, la drammatizzazione, la documentazione attraverso attività grafico-pittoriche sia singole che di gruppo.

Nuclei Tematici

1°N.T.: Accoglienza: Storia di una Piccola Goccia d’acqua

2°N.T.: Piccola Goccia alla scoperta del Creato

3°N.T.: L’Acqua e la Vita che nasce.

4°N.T.: Gesù e l’Acqua.

5°N.T.: l’Acqua e la Vita che risorge.

6°N.T.: L’Acqua unisce i cristiani.

Bambini coinvolti

Tutti i bambini e le bambine delle scuole dell’Infanzia.

Durata

Il progetto ha durata annuale.

Collaborazioni

Personale scolastico, famiglie.

Mezzi e strumenti

Risorse umane, culturali e professionali.

Materiali

Materiale cartaceo: carta per fotocopie, cartoncino bristol, carta da pacchi, album collage, carta velina, carta vellutina, etc..

Materiale creativo: tempera, pennelli, spugne, pennarelli, matite, pastelli a cera, colle,  forbici, pongo, etc..

Materiale audiovisivo: macchina fotografica, computer, dvd.

Verifica

Attraverso osservazioni sistematiche ed occasionali degli atteggiamenti e dell’interesse dei bambini, elaborati di esperienze vissute, rielaborazione verbale e grafico-pittorica, drammatizzazione, uso di schede strutturate.

Valutazione

Verrà effettuata tenendo presente i percorsi didattici-educativi realizzati, i processi formativi attivati, il raggiungimento degli obiettivi, l’efficacia dei metodi e delle risorse utilizzati, il rapporto con il personale scolastico e con le famiglie.

Documentazione

Alla fine del progetto si procederà alla realizzazione di un libricino che raccoglierà il lavoro individuale di tutti i bambini.

A scuola di emozioni

MOTIVAZIONE

L’identità pedagogica della Scuola dell’Infanzia pone al centro la <strong style="line-height:1.6em">formazione integrale della persona del bambino in un clima di affettività positiva, di comprensione empatica e di giocosità ludica e ha come obiettivo fondamentale lo sviluppo di <strong style="line-height:1.6em">competenze, autonomia, identità e cittadinanza.

L’idea del progetto “A scuola… di emozioni” adottato anche in questo anno scolastico, nasce dalla consapevolezza che comprendere le emozioni dei bambini significa aiutarli a crescere felici. Accompagnare un bambino nella sua crescita emotiva è diventato oggi un compito importante  per la qualità umana e relazionale della nostra esistenza. Le emozioni , gli affetti e i sentimenti sono il costante sottofondo delle nostre esperienze quotidiane.

Educare ai sentimenti diventa la principale finalità di questo progetto, per creare nella scuola  un’ ambiente sereno che consenta al bambino di comprendere le proprie emozioni e quelle degli altri, sviluppare capacità di adattamento, imparare a gestire i propri sentimenti che possano essere utilizzati anche in altre situazioni di vita.
Il percorso,. iniziato lo scorso anno e animato da personaggi fantastici ispirati al libro “Sei Folletti nel mio cuore” di Rosalba Corallo, proseguirà scoprendo e analizzando le emozioni quali l’amicizia, la paura, la rabbia, la tristezza.

COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Anche il Parlamento Europeo e il Consiglio d’Europa hanno delineato una svolta  nell’approccio all’apprendimento-insegnamento finalizzando il percorso scolastico al conseguimento di traguardi espressi in termini di competenze:

  • COMUNICAZIONE NELLA MADRE LINGUA
  • COMPETENZE SOCIALI CIVICHE
  • COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA
  • COMUNICAZIONE NELLE LINGUA STRANIERE
  • IMPARARE AD IMPARARE
  • SPIRITO D’INIZIATIVA IMPRENDITORIALITA’
  • CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE

NUCLEI TEMATICI

1°Nucleo Tematico: A SCUOLA CON ZEB

2° Nucleo Tematico: LE STAGIONI …. UNA FESTA DI EMOZIONI!!!

3° Nucleo Tematico: A SCUOLA DI EMOZIONI CON I FOLLETTI DEL MIO CUORE

…ESPERTI A SCUOLA

·         “T.Lab” Laboratorio Teatrale con l’esperto Marco Lucci

PROGETTI ESPLICITATI NEL P.O.F.

·         Progetto “Scuolissima” potenziamento ascolto e competenze fonologiche

·         Progetto di Inglese “Pig and sheep”

·         Progetto Attività alternativa all’ IRC “Io cittadino nel Mondo”

·         Progetto Continuità Scuola Infanzia/Primaria - Scuola Infanzia/ Nido

USCITE DIDATTICHE

·         Uscita Didattica presso la Biblioteca Comunale “Biblionet”.

·         Visione di uno spettacolo teatrale presso il Teatro “Brecht” di S. Sisto

·         Laboratorio manipolativo “Acqua, Fuochino… Fuoco. La storia di Dino il contadino”  presso la pizzeria “Rosso Pomodoro”

PROGETTO I.R.C.

“ GOCCE DI VITA”

INS. Erika Giommetti

USCITA DIDATTICA: Chiesa Parrocchiale di Ponte San Giovanni

Gruppo dei bambini di 5 anni

Il giorno: 7 Maggio 2015